mercoledì 1 settembre 2021

C'era una volta in America: la partita più lunga



È passata agli annali come la partita più lunga di sempre nel calcio americano. E probabilmente quei 176 minuti tra Dallas Tornado e Rochester Lancers sono un primato in generale - c'è un precedente di quasi tre ore e mezzo di una sfida di terza divisione inglese, a dirla tutta, ma era il 1946 e si giocava a pallone con regole ancora rudimentali. Qui no: siamo, o meglio eravamo, negli anni Settanta e in quel pezzo di storia - tanto per non farsi mancare nulla - c'è pure un viareggino purosangue. 

Ma andiamo con ordine. Corre l'anno 1971 e la Nasl, la lega professionistica di calcio degli Stati Uniti, s'è allargata da sei ad appena otto squadre con una misera media spettatori che s'attesta un pelino sopra le quattromila unità. Il 1° settembre a Rochester, città dello stato di New York diventata tristemente famosa in questi giorni per la morte dell'afroamericano Daniel Prude durante un fermo della polizia, si giocano le semifinali del campionato. È qui che pochi mesi prima, a marzo, è atterrato il viareggino Adolfo Gori: nato mediano e finito terzino di spinta, ha deciso di chiudere col calcio professionistico dopo una carriera di tutto rispetto che gli ha fatto vincere scudetto e Coppa Italia con la Juventus. 

Il giocatore che negli annuari del calcio americano risulta "born in Via Reggio" (sic!) ha firmato per i Lancers campioni in carica: la squadra è ancora competitiva, tant'è che domina la Northern Division e il difensore viareggino - curiosamente storpiato in 'Adolpho' dalla stampa locale - è indiscusso protagonista della cavalcata verso i playoff. I Lancers se la vedono contro i Dallas Tornado che, per la semifinale d'andata, si presentano all'Aquinas Stadium di Rochester. 

Proprio quell'anno la Nasl, su pressione del co-proprietario dei Lancers Charlie Schiano, introduce i supplementari con golden gol al posto dei rigori come metodo per decretare il vincitore nelle partite dei playoff. Sembra una modifica da nulla. E invece il karma inferisce su Schiano anche se alle otto di sera di quel 1° settembre, quando l'arbitro John DiSalvatore mette il fischietto in bocca, gli 8.309 spettatori ancora non lo sanno. 

I Lancers passano in vantaggio poco con Manfred Seissler e tutto lascia presagire a una vittoria facile. I miracoli del portiere Kenny Cooper tengono però in vita i Tornado che nel finale pareggiano con Tony McLaughlin, bravissimo a scavalcare di testa la difesa guidata da Gori.Si va ai supplementari, che iniziano intorno alle dieci: due mini-tempi da quindici minuti l'uno, se non segna nessuno si va avanti a oltranza. Come ai rigori, che qui avrebbero fatto comodissimo. Due supplementari: niente. Altri due: niente. 

Le squadre sono ormai vicine a giocare due partite una di fila all'altra, il pubblico mormora dalla disperazione e sono trascorsi appena 176 minuti quando lo scricciolo brasiliano Carlos Metidieri, scartato in gioventù da Napoli e Como per la bassa statura, la butta finalmente dentro. Phil Woosnan, il commissioner del campionato, se lo perde perché si è appropinquato verso gli ufficiali di gara per ordinare loro di sospendere l'incontro dopo il sesto over time. 

Quasi tutti i giocatori crollano a terra esausti alla vista del pallone in fondo al sacco. L'orologio segna le 23.59: sembra una variante calcistica di Cenerentola. E invece era tutto clamorosamente vero.

2 commenti:

  1. Leggo dall'hotel carinzia autria www.warmbaderhof.com

    RispondiElimina
  2. Chơi đá gà trực tuyến mới nhất hiện tại được cập nhật liên tục tại nhà cái uy tín vegas79, tại đây có khá nhiều khuyến mãi và nhiều giải thưởng lớn nhỏ khác nhau
    Da ga truc tuyen

    Da ga uy tin

    Da ga Vegas79

    Da ga cua sat hom nay

    RispondiElimina