domenica 17 ottobre 2010

America sotto smacco



Alle volte è strano come lo sport possa chiarire dubbi che altre discipline non riescono proprio a sciogliere. Ad esempio, la Russia non fa parte dell'Unione Europea eppure, culturalmente, avrebbe qualcosa da condividere più con il Vecchio Continente che non con gli altri paesi asiatici. Si pensi, ad esempio, alla religione, ortodossa e dunque cristiana. Si pensi, ad esempio, allo sport: squadre russe - ma anche armene, azere, georgiane - partecipano alle competizioni sportive europee. 

Ciò vale anche per Israele. Tant'è che il Maccabi Tel Aviv di basket maschile è stata la prima squadra europea a sconfiggere, in amichevole, una franchigia della NBA. Successe in terra israeliana l'8 settembre del 1978, ma quella vittoria di misura non fu mai riconosciuta ufficialmente dagli americani. Ventisette anni dopo, la vendetta stava per essere servita...


No, gli Stati Uniti proprio non volevano saperne di ammettere di essere stati sconfitti dai "pivellini" europei. 8 settembre 1978: a Tel Aviv il Maccabi disputa un'amichevole contro i Washington Bullets, vincitori del loro primo - e, finora, unico - titolo NBA. Dick Motta, artefice del miracolo, porta in Israele appena nove giocatori, comprese le stelle Elvin Hayes e Wes Unseld.

Ma i campioni americani sono fuori forma e con la testa ancora in vacanza: il raduno inizierà solamente tra un mese. I mediorientali intuiscono che può essere il momento propizio per scrivere una pagina di storia.

E così è: Miki Berkovich, indiscusso trascinatore del Maccabi e della nazionale, segna da solo 26 punti. E contribuisce ad una clamorosa vittoria per 98-97. L'Europa batte l'America. O, data la nazionalità del Maccabi, David affossa Golia.

Ma l'America non riconosce l'impresa compiuta dagli israeliani, che negli anni immediatamente successivi ottengono altri tre successi contro una selezione NBA, i New Jersey Nets ed i Phoenix Suns. Le amichevoli, però, si sono giocate nel mese di agosto: per il massimo organo cestistico d'oltreoceano le vittorie sono dunque da invalidare.

Un boicottaggio che prosegue sino al 1987, anno di istituzione del McDonald's Open, triangolare prima e quadrangolare poi che manda in pensione la Coppa Intercontinentale. Qui le squadre NBA, forse per la compartecipazione della Federbasket mondiale alla creazione dell'evento, accettano - o meglio, devono accettare - di confrontarsi con avversari del Vecchio Continente: da questo momento, i confronti tra Europa e America acquisiscono il valore dell'ufficialità.

Nello stesso anno la nazionale dell'URSS sconfigge, in amichevole, gli Atlanta Hawks con un pazzesco 132-123. Che facciamo, la riconosciamo? "No, non ancora. Il confronto è impari, è una nazionale opposta ad una franchigia NBA" bofonchiano dall'altra estremità dell'Atlantico.

Le prime europee a sfiorare, questa volta sì, l'impresa sono le italiane: la Tracer Milano dà il via ai confronti ufficiali sull'asse America-Europa e la Scavolini Pesaro si arrende soltanto ai supplementari ai Knicks nel corso della quarta edizione del Mc Donald's Open. Passano quattordici anni e la Benetton Treviso rischia un colpo ancor più grosso, perdendo soltanto 86-83 all'Air Canada Centre di Toronto contro i Raptors. La lacuna sembra ormai colmata.

17 ottobre 2005. Stesso scenario, stesso avversario. L'Europa lancia ancora il guanto di sfida ai Raptors e nella circostanza si affida alla vincitrice dell'Eurolega, il Maccabi Tel Aviv, seguito sugli spalti dell'arena canadese dalla numerosa comunità ebrea.

Per quanto sia un'amichevole, il coach americano Sam Mitchell non vuol passare per il buon samaritano e fin da subito schiera Chris Bosh, Morris Peterson e Jalen Rose, i giocatori più talentuosi della sua squadra. Pini Gershon replica con un dispiegamento di forze tutt'altro che inferiore: Nikola Vujčić, Anthony Parker e l'ex di turno Maceo Baston sono della partita già dal primo minuto.

La trama dell'amichevole è paragonabile a quei libri gialli in cui nelle pagine iniziali si deduce già il nome dell'assassino, perché i Raptors mantengono sempre la situazione a proprio vantaggio e chiudono il primo quarto avanti per 24-20.

Il Maccabi non abbassa la guardia e, anzi, durante il successivo parziale pareggia temporaneamente con una schiacciata di Anthony Parker. I canadesi riordinano presto le loro idee: nella seconda metà del quarto segnano diciassette punti, concedendone appena sette, e arrivano così all'intervallo lungo con dieci lunghezze di vantaggio (56-46).

In America, esattamente in occasione del titolo NBA di Washington di ventisette anni prima, fu coniata una massima divenuta assai presto di uso comune: "L'opera non è finita fino a quando canta la donna grassa". Mai darsi per spacciati nello sport, almeno fino a quando il direttore di gara non fischia la fine della contesa.

Il Maccabi, sospinto dal calore degli ebrei canadesi, prova a giocarsi le sue carte vincenti anche quando si trova a dover saldare un debito da quattordici punti. Due tiri liberi di Baston avvicinano nuovamente gli israeliani che hanno il merito di decurtare di sei punti lo scarto: l'impresa non appare più così impossibile da portare a compimento.

E, quando il tabellone dell'Air Canada Centre ricorda che ci sono meno di tre minuti da giocare, il Maccabi passa per la prima volta in vantaggio (95-93), spinto da una tripla di Will Solomon. Una prodezza preceduta dalla monumentale difesa di Yaniv Green, vigile custode del canestro israeliano che stoppa un tiro in sospensione di Mike James e, soprattutto, rende nullo il tentativo di lay-up di Rose. Le certezze dei canadesi si sono sgretolate, oramai si lotta punto su punto.

Diciannove secondi alla conclusione. James ha appena messo dentro il canestro del 103-103. Il Maccabi gestisce l'ultima azione dell'incontro. Gli israeliani puntano tutto su Anthony Parker, miglior giocatore dell'Eurolega vinta dai gialloblù di Tel Aviv. Lui è nato a Naperville, Illinois, ha giocato a Philadelphia e Orlando, il basket americano non è certo un mistero per lui. E la guardia del Maccabi si mette in testa di diventare un eroe.

Otto decimi alla conclusione: Parker, tutto isolato in un angolo, mira il tabellone e spicca il volo, Peterson prova ad oscurargli la visuale ma invano. Il pallone si accoccola tra le maglie della retina. Canestro. 105-103.

Il Maccabi riscrive la storia del basket: mai una formazione europea aveva sconfitto una franchigia NBA sul suolo americano. Gli Stati Uniti erano usciti malconci dai Mondiali di Indianapolis e dai Giochi olimpici di Atene, ma con le squadre di club avevano sempre salvato l'onore. Adesso no, non più. 

Inutili i puerili tentativi della NBA di occultare sul proprio sito web anche questa sconfitta, stavolta sì ufficiale: l'ultimo baluardo è stato abbattuto.

TORONTO RAPTORS-MACCABI TEL AVIV 103-105

TORONTO RAPTORS: Bosh 27, Rose 18, James 16, Bonner 14, Peterson 11, Villanueva 10, Woods 4, Calderón 2, Aruzu 1. All. Mitchell.

MACCABI TEL AVIV: Parker 24, Vujčić 21, Solomon 15, Baston 12, Green 11, Burstein 8, Arnold 5, Penney 6, Shason 3, Sharp 2. All. Gershon.

PARZIALI: 24-20, 56-46, 81-77.




Fonti:
David Garaban, "La NBA intenta ocultar la gesta del Maccabi", El Mundo Deportivo, 18/10/2005
"La Gazzetta dello Sport"
"Raptors first in NBA to lose to Maccabi in 27 years", ESPN, 17/10/2005

Nessun commento:

Posta un commento